Jeff Bezos

Corsi di Public Speaking, la bella sfida di formare a parlare in pubblico

Indipendentemente da quale sia l’orientamento di un formatore,: cognitivo, psicologico, esperienziale, formare a parlare in pubblico richiede una completezza di approccio che è veramente difficile da realizzare.

In pratica ci si confronta con  tre necessità:

Spesso questo tema viene affrontato nel peggiore dei modi, a forza di slide. Le slide sono utilissime. Descrivere a chiacchiere un grafico necessario è scomodo e inutile, nello stesso modo descrivere e far comprendere come andrebbe usata la voce o il corpo con un grafico è altrettanto inutile. Ci vogliono esperienza (lo devi saper fare),  esercizi e pratica. Spesso tengo i corsi di Public Speaking in doppia docenza con una ottima attrice e formatrice di attori, ma visto che il budget, il tempo o l’organizzazione a volte non lo concedono, penso che sia dovere di un formatore che si impegna su questo tema imparare e praticare  almeno gli esercizi base relativi all’uso della voce e del corpo.

Oggi però più che teorizzare vorrei mostrarti due video particolari che esemplificano gli effetti di uno sbilanciamento tra le tre abilità (testo, gestione della paura, non verbale e paraverbale), per farlo ho scelto due video di persone di grande potere che parlano in pubblico.

Il primo video è famoso, anche virale. Si tratta di un discorso di Luca Luciani, all’epoca Direttore Generale di TIM: nessuna paura, buona gestualità e uso della voce, il testo beh … incredibile! Linguaggio da carrettiere, e una interpretazione sui generis dello story telling visto che si parla della “grande vittoria di Napoletone a Vaterlo“. Per inciso, nessuno si preoccupi, non è stato licenziato per questa figuraccia internazionale, anzi promosso a dirigere  TIM Brasile e poi liquidato con 5 milioni di Euro a seguito di una disavventura giudiziaria.  In ogni caso resto un buon esempio di cosa succede quando si domina il corpo la voce, si supera la paura e … non si lavora sul testo. Di seguito troviamo un esempio opposto.

Qui invece vediamo Jeff Bezos, CEO di Amazon, insomma un soggetto che dovrebbe essere molto oltre la paura e l’imbarazzo di parlare in pubblico, eppure … Nei primi cinque minuti (dopo si rilassa e va un po’ meglio), appare chiuso, arriva ad abbracciarsi, parla velocissimo, non apre la bocca e articola pessimamente le parole, legge da foglietti vari e dallo schermo, insomma tecnicamente pessimo ma il testo è impeccabile.

N.B. chi volesse seguire il testo in italiano con i sottotitoli, li può attivare, il comando è in basso a destra del video.

In altre parole quando si vuole formare a parlare in pubblico è necessario lavorare su tutte le aree necessarie in contemporanea  e tenerle tra loro in equilibrio. Ogni sbilanciamento nei corsi di Public Speaking si paga ottenendo risutati scadenti.

Visita il primo Shop per formatori

Leggi il nuovo manuale di Public Speaking, “Davanti a Tutti” o scarica l’estratto gratuito

Scarica l‘eBook gratuito “Stare in aula o “La valigia del formatore”.

Iscriviti alla nostra newsletter 

Vuoi un corso o del coaching di formazione formatori? o di Public Speaking? Scrivici

Articolo originale pubblicato al prima volta su www.formatorionline.com

Autore: 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *